Come togliere il colore rosso dai capelli

Come-togliere-il-colore-rosso-dai-capelli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Come Togliere Le Macchie Di Colore A Spirito|Come Togliere Il Rosso Dai Capelli?|Capelli Bianchi Ingialliti

{Togliere il rosso dell’henne dai capelli e smorzare i suoi riflessi arancioni è una delle questioni che più affligge chi inizia usare l’henne e le erbe tintorie odiando però i suoi riflessi rossi. In questo caso è sufficiente lavare i capelli in modo abituale, aggiungere il succo di limone appena si forma abbastanza schiuma, massaggiare per 5 minuti e sciacquare con abbondante acqua prima di applicare il balsamo per 3-5 minuti e lavare con acqua.

In questo articolo vedremo come togliere le macchie di pittura dai vestiti. Uno dei metodi più efficaci nella tricologia per eliminare i riflessi rossi dai capelli è quello di impiegare prima uno shampoo neutro per il lavaggio dei capelli, anche per alcune volte, e poi usare un riflessante semi-permanente dal tono bruno antracite, cos’è da spegnere il tono rosso e i suoi riflessi.

In questo articolo vedremo come togliere le macchie di pittura dai vestiti. Per rimediare possiamo provare con uno shampoo antigiallo: Keramine H, che ha alle spalle anni di esperienza nel campo della cura e della protezione dei capelli, ha formulato a questo proposito prodotti specifici , ideali per capelli bianchi, grigi e decolorati che contribuisce ad eliminare l’ingiallimento dovuto all’età  a decolorazioni fallimentare.

{Se la macchia riguarda invece una tovaglia un capo in cotone , possiamo adoperare vari metodi: applichiamo ad esempio sulla macchia dell’aceto oppure del sale misto a succo di limone e poi lasciamo agire per un’ora prima del normale lavaggio.

Memoclimat in memory Simam, cm 80×190‚¬ 391 ha un rivestimento sfoderabile con tessuto speciale Aloe Vera trattato antimacchia: i liquidi e le macchie non aderiscono subito al tessuto e si rimuovono facilmente con un panno umido con una spugnetta.

Ho poi fatto un’altra tinta castano cioccolato ma i riflessi rossi sono decisamente rimasti tanto che ho dovuto ricolorare i capelli con una tonalità  castana decisamente più scura.

La macchia di uovo si leva cospargendo il tessuto con il sale fino e lasciando a riposare per 10 minuti, poi si lava in acqua fredda insieme a poco aceto.|Le indicazioni sulle scatole di tinte per capelli e shampoo coloranti vendute da profumerie e supermercati parlano chiaro, ma purtroppo non sempre riusciamo a stabilire, dalla legenda presente sulla scatola, a quale tipo di base si avvicina il nostro colore di capelli e molto spesso il pasticcio è dietro l’angolo.

Se cercate uno shampoo antigiallo naturale che contiene ingredienti bio, un ottimo prodotto è quello proposto da Alkemilla, un’azienda Italiana che produce cosmetici biologici.

{Una sospensione di acido salicilico al 3-5% (agente cheratolitico) in olio minerale (come il catrame di carbone ), da applicare sul cuoio capelluto alla sera, prima di dormire, indossando poi una cuffia da doccia (per potenziarne la penetrazione ed evitarne lo spargimento) e risciacquando il mattino successivo.

Questo accade spesso quando il vostro colore naturale è scuro (bruno nero) naturalmente tendente al rosso e nel tingerli, voi il vostro parrucchiere, avete utilizzato una tonalità calda anzi che una fredda che neutralizza il rosso, come ad esempio il cenere il verde che in forma di correttore un bravo hairstylist sta miscelare sapientemente nella tintura.

I capelli possono facilmente prendere una tonalità  rosso-arancio color ottone, quando vengono tinti con colori particolari semplicemente dopo l’esposizione solare.

La forfora è un disturbo del cuoio capelluto che si manifesta attraverso la presenza di scagliette bianche e secche alla base del capello, risultato di un eccessivo processo di desquamazione degli strati più esterni dell’epidermide; una leggera presenza di particelle bianche può essere del tutto normale e fisiologica, è infatti segno del normale ricambio cellulare, ma quando la quantità di squame è rilevante si parla di forfora.

Per questo tipo di tessuto possiamo trattare le macchie di biro intervenendo con del latte scremato e un panno morbido per non rischiare di graffiare la pelle.

In questo caso dovrete cospargere di bicarbonato la macchia, lasciare agire per dieci minuti, spazzolare via la polvere e tenere il capo in ammollo per tutta la notte in acqua calda e un misurino di bicarbonato.

Diluiti in acqua tiepida e applicati su tutta la lunghezza dei capelli, vanno poi lasciati in posa per 30 minuti prima di essere risciacquati con abbondante acqua corrente.

Per eliminare lo smalto dal cotone bisogna appoggiare la parte di tessuto macchiata su una salvietta di carta, tamponare il retro con un batuffolo di cotone imbevuto di acetone e sciaquare con acqua.

Come vedi, c’è rimedio anche alle macchie di tintura per capelli ormai secche su un tessuto asciugato: non scoraggiarti mai e fai sempre un ultimo tentativo prima di buttare via un capo.

In Alternativa puoi riaccendere il rosso dei tuoi capelli

Ultimo aggiornamento il 15 Settembre 2019 22:09

Subscribe to our Newsletter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Share this post with your friends

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *